E se la prossima estate partecipassi a un campo di lavoro?

E se la prossima estate partecipassi a un campo di lavoro? 24 maggio 2017

I Campi di lavoro (anche detti Campi di Volontariato e Solidrietà) sono esperienze brevi di volontariato, in cui i partecipanti si mettono a disposizione di ONG e organizzazioni di volontariato collaborando in progetti di varia natura.

E’ richiesto spirito di adattamento e voglia di mettersi in gioco perché spesso si tratta di esperienze di vita comunitaria in cui si collabora non solo per le attività di volontariato ma anche nelle normali attività quotidiane (preparazione dei pasti, pulizie, ecc.).

QUANTO DURANO I CAMPI DI LAVORO? Generalmente hanno un durata compresa fra una e tre settimane.

A CHI SONO RIVOLTI? La maggior parte dei campi è rivolta agli adulti (18 – 99 anni). Esistono, però, anche campi per teen agers (dai 14 ai 17 anni). Sottolineiamo che anche i campi di lavoro per minori richiedono comunque un buon livello di autonomia.

Il campo normalmente ospita un numero medio di 12-15 partecipanti; se il campo è internazionale la lingua veicolare solitamente è l’inglese.

DOVE SI SVOLGONO? Sono numerose le organizzazioni che propongono campi di lavoro sia in Italia che nel resto del mondo.

QUALI SONO LE TIPOLOGIE DI CAMPI DI LAVORO? Ci sono campi umanitari (con attività rivolte a bambini, emarginati, portatori di handicap, rifugiati, anziani); ambientalisti (tutela dell’ambiente, pulizia di spazi verdi, protezione degli animali); archeologici (restauro di monumenti, chiese e altri complessi architettonici, partecipazione a scavi); culturali (festival, concerti, cortometraggi); campi che richiedono lavoro manuale (costruzioni, ristrutturazioni) e campi sportivi.

QUANTO COSTA PARTECIPARE AD UN CAMPO? Si tratta sempre di esperienze “low-cost”. E’ generalmente prevista una quota di iscrizione (variabile a seconda dell’organizzazione che propone il campo) che serve a coprire le spese dell’organizzazione, la gestione e l’assicurazione per i partecipanti. Più rara è una “extra-fee” (o “additional fee”) da riconoscere all’ente ospitante per le spese di vitto e alloggio (che spesso, però, sono offerti gratuitamente).

Le spese di viaggio (ed eventuale visto, se richiesto dal Paese ospitante) sono sempre a carico dei partecipanti.

COME CI SI ISCRIVE? Contattado gli enti che propongono i campi. Saranno loro ad indicarvi le modalità di iscrizione, partecipazione e pagamento.

Sui siti delle varie organizzazioni (qui trovate quelli che propongono campi in Italia; qui quelli all’estero) potrete prendere visione delle possibilità di campi di lavoro per la prossima estate. Se siete interessati vi consigliamo di di contattarli al più presto perché le opportunità vanno a ruba!

Vi proponiamo di seguito alcune offerte di Campi di lavoro internazionale che l’Associazione Joint ci ha gentilmente segnalato:

– Campo di lavoro in Italia all’interno di un film festival

– Campo di lavoro in Francia nell’eco-building

– Campo di lavoro in Cambogia nel supporto ad una scuola

– Campo di lavoro in Marocco per i giovani locali

– Campo di lavoro in India nella salvaguardia del suolo

– Campo di lavoro in Uganda per infermieri

Per maggiori informazioni potete contattare gli operatori dell’Informagiovani mandando una mail a infogiovani@comune.brescia.it

 

Photo by Willian_2000