Assegno di inclusione, cos’è e chi lo può richiedere

Assegno di inclusione, cos’è e chi lo può richiedere 18 Dicembre 2023

Dal 1° gennaio 2024 sarà corrisposto l’assegno di inclusione (ADI), misura di sostegno economico che sostituisce il reddito di cittadinanza.

L’assegno può essere richiesto dal 18 dicembre 2023 utilizzando i canali e le modalità sotto indicate.

 

Assegno di inclusione: cos’è

L’assegno è riconosciuto a nuclei famigliari:

– con minorenni
– con persone con disabilità (allegato 3 al DPCM 159/2013)
– con persone anziane di almeno 60 anni
– con componenti in condizioni di svantaggio e inseriti in programmi di cura e assistenza dei servizi socio sanitari territoriali certificati dalla pubblica amministrazione

L’erogazione del sostegno è subordinata al possesso di requisiti di residenza, cittadinanza e soggiorno, alla situazione reddituale del beneficiario e del suo nucleo familiare e all’adesione a un percorso personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa.

 

Come si richiede

L’Assegno dovrà essere richiesto con modalità telematica all’INPS utilizzando le credenziali SPID o Carta Nazionale dei Servizi o Carta di Identità Elettronica, oppure presso Centri di Assistenza Fiscale (CAF)/patronati.

Il contributo sarà non inferiore a 480 euro mensili, erogato mensilmente attraverso uno strumento di pagamento elettronico ricaricabile, Carta di inclusione, per un periodo non superiore a 18 mesi.

Potrà essere rinnovato, previa sospensione di un mese, per ulteriori 12 mesi.

 

Per ulteriori info consulta il sito del Ministero del Lavoro.

 

 

Fotografia di Pexels da Pixabay