Tempo per pensare

Tempo per pensare 15 Aprile 2020

Devo ammettere che questa quarantena mi sta regalando qualcosa di prezioso: il tempo.

Napoleon Hill in un suo libro ha scritto che “Ogni svantaggio nasconde un vantaggio equivalente o superiore”. Ripeto, questa quarantena sta donando a noi studenti il tempo per pensare. In un giorno ci sono ventiquattro ore. Ogni ora possiede 60 minuti, ognuno dei quali è formato da 60 secondi. Può sembrare tanto, ma sprecare secondi ed conseguenza, minuti ed ore, è più facile di quanto si possa immaginare. La mia generazione è nata nell’era tecnologica: PC, smartphone, tablet, smartwatch… Siamo continuamente bombardati da pubblicità, pop-up, telefoni che vibrano e suonano per le continue notifiche, cuoricini accompagnati da numeri che se da un lato innalzano la produzione di dopamina nel cervello, dall’altro esistono anche casi di dipendenza dai social.

Così ci ha cresciuti la società, facendoci distrarre dalle cose importanti. Se chiedi ad un qualsiasi ragazzo o ragazza a metà del suo percorso scolastico alle superiori “Cosa vuoi fare da grande?”, spesso non ti sa dare una risposta precisa. La maggior parte dà un responso insicuro, incerto. Penso sia ancor più triste vedere uno studente o studentessa in quinta superiore che non sa ancora cosa voglia nella vita.

Se dovessi guadagnare un euro per ogni volta che ho affrontato conversazioni del genere con i miei amici, avrei una montagna di monete. Io vengo dalla provincia, nella mia cerchia di amicizie solo io e pochi altri abbiamo deciso di frequentare un liceo. Tutti gli altri invece si sono iscritti ad un CFP, un istituto tecnico o professionale. Nessuno di loro ha intenzione di frequentare l’università. Finito il loro percorso di studi triennale o quinquennale che sia, sono andati a lavorare. C’è chi lavora in catena di montaggio, altri in officina, c’è chi fa l’idraulico e chi fa il carrozziere. Pare, però, che abbiano tutti una cosa in comune: hanno rinunciato alle loro ambizioni per uno stipendio. Lavorano 8/9/10 ore al giorno, aspettando il sabato per poter festeggiare. Dimenticano così di dedicare e spendere tempo per i loro sogni, passioni. Rischiano, così, di vivere come un criceto che corre nella sua ruota giocattolo. Come un cavallo col paraocchi corrono senza vedere cosa offre di bello la vita. Ma questo non vale solo per gli operai, vale anche per altri lavoratori.

Pensiamo ad un docente, la cui ambizione non era insegnare a 23 ragazzi e ragazze dietro ad un banco. Per uno studente o una studentessa non c’è nulla peggiore di un professore o una professoressa che non abbia voglia di istruire. Perché non saprà mai portare a termine la sua vera missione, che non è tanto inculcare nozioni, bensì far scattare la curiosità di imparare.

Facciamo un altro esempio. Consideriamo un esperto di tiro al piattello, il cui sogno è diventare campione olimpico, ma decide di accontentare i genitori, i quali, sapendo che non guadagnerebbe troppo, preferiscono mandarlo nell’esercito in modo che diventi un cecchino, con uno stipendio più elevato. Passando così da colpire bersagli al volo, a sparare invece a uomini come lui. Immaginate con che rimpianto morirebbe se lo colpisse un proiettile in battaglia, perché si è distratto un attimo pensando al podio olimpico su cui avrebbe voluto ricevere una medaglia d’oro.

Questo periodo di “lockdown” può davvero essere un trampolino per pensare come rilanciare la nostra vita.

Non eravamo pronti a questo, ad una pandemia, nessuno lo era. Il governo avrebbe dovuto esserlo, perché uno Stato dovrebbe sempre avere un piano d’emergenza in caso scoppino situazioni del genere: la storia ci insegna che non è la prima volta che il mondo vive situazioni come questa.

Ci regala tempo per pensare. Tutte quelle cose che davamo per scontate ora le apprezzeremo maggiormente: la semplice e scontata (almeno per noi) libertà di uscire e andare dove si vuole; il contatto fisico con le persone, un abbraccio, una carezza o un bacio; il diritto di essere sempre curati che ora si fatica a garantire; la nostra routine che tanto ci seccava ora addirittura ci manca.

Inoltre, son sicuro che in molti sperimenteranno la solitudine. Lo stare da soli per giornate intere. Annoiarsi perché si è da soli e non c’è nessuno con cui poter fare qualcosa. Ma così, anche se non è scontato avvenga, impareremo a conoscere noi stessi un po’ di più, incominceremo a bastarci. E dico che non è detto, perché siamo così bravi a distrarci ormai, che ci risulta davvero complicato concentrarci. Ho la sensazione che, vivendo in una società così dinamica, le persone non sappiano più stare da sole con i loro pensieri.

Pensare, riflettere su come migliorare noi e il mondo quando questa emergenza sarà finita. Questo è quello che possiamo fare in quarantena. Finirà, perché tutte le epidemie hanno un inizio ed una fine. Quando potremo di nuovo uscire avremo un’altra possibilità per apprezzare di più la vita e fare ciò che veramente vogliamo. Ma non puoi fare ciò che vuoi, senza sapere ciò che desideri davvero. Per farlo bisogna pensare, conoscersi e capirsi.

La storia insegna, però, purtroppo, il genere umano sembra non voler imparare, quindi la mia domanda è: sprecheremo anche questa occasione? Sprecheremo ancora il nostro tempo?

Abdul Hafez Labaran, classe 3°A LES

Altri articoli da GiGiQ

Food Delivery #2 – Irene Panighetti per GiGiQ

Prosegue l’analisi critica della professione del rider e del mondo del food delivery, con Irene Panighetti.

Come ti senti?

Capita anche a te, come scrive Ilaria nel suo Diario di una diciottenne in quarantena, di sentire la mancanza della città, della scuola, dei tuoi amici, persino della metropolitana piena

Una foto di me che salvo il mondo…

Non parlo con qualcuno che mi capisce davvero da non so quanto tempo e mi sembra di essere in gabbia… Di Sofia, Corte Franca

Pensieri annoiati, fermi, tecnologici

Durante questo periodo di quarantena mi sto un po’ annoiando… Di Marco Ravelli

Reclusione: passa veloce ma si fa atroce

La poesia è finita | e io torno a guardare serie tv per tutta la vita… Di Eleonora Franzoni

La mia vita durante la quarantena

ho un sacco di compiti che mi tocca fare: | il tempo libero lo passo a studiare; | solo la sera ho un po’ di tempo per me: | delle serie-tv sono diventata il re…

Per te, cara Alexandra…

Cara Alexandra, è da tanto che non ci sentiamo, quindi ho deciso di scriverti questa lettera per spiegarti un po’ quello che sta succedendo… Di Elizabeth Corti, 1L LSSA Antonietti Iseo

Una riflessione sul coronavirus

È ormai la fine dell’ inverno, la natura ricomincia a sbocciare scaldata dal tepore della bella stagione, l’algido freddo invernale pare ormai superato, la vita si ridesta dal lungo letargo… Di Marco Gervasoni

Nella testa mia

Non so cosa mi sta succedendo, forse è astinenza | dalla passione che mi dava potenza… Di Bracchi

Al periodo che stiamo vivendo, mi raccomando, stai attento!

Il periodo che stiamo vivendo ora | non ci peggiora ma ci migliora; | questa è un’occasione | che in molti considerano prigione. | Certo, di fuori non puoi andare | Ma con la fantasia tutto si può fare… Di Virginia Tempia

L’importanza che diamo alle cose

L’importanza che diamo alle cose riesce a salvarci dalla monotonia di tutti i giorni… Di Depretis Morena

Post Coronavirus: non ce ne laveremo le mani!

Quando a gennaio i telenotiziari hanno iniziato a diffondere le immagini di ciò che stava accadendo in Oriente, noi italiani, e dico “noi” per non assolvermi dalle mie colpe, eravamo ancora “vicini-vicini”… Di Marta Stefana, 4BL

Diario di una diciottenne in quarantena

Passo tutto il giorno chiusa in camera mia, cercando di evitare il più possibile i miei familiari perché, stressati come siamo, probabilmente finiremmo per litigare. Di una “nervosissima ed insopportabilissima Ilaria, Quarta Liceo Linguistico”

Caro diario, che giorno è oggi?

Non capisco più nulla…i giorni sono tutti uguali, ormai da quasi due mesi. Le giornate si susseguono costanti, cariche di angoscia, paura, terrore, tristezza. Di Andrea Serioli, 1L

Food Delivery – Irene Panighetti per GiGiQ

Un’analisi critica della professione del rider e del mondo del food delivery, con Irene Panighetti.

La scuola ai tempi del Coronavirus

Due giorni di vacanze di Carnevale che si trasformano in delle lunghe ferie inaspettate? Poteva sembrare un sogno, ma è successo realmente. Di Gloria, quarta istituto tecnico-economico

Silenzio e semplicità

Aprile 2020: fermezza assoluta, silenzio e tanta distanza. Tempo, troppo tempo, in cui ci ritroviamo senza volerlo e senza chiederlo.
Di P.T. Quinta liceo Veronica Gambara

GiGi Q in diretta con Rossella Prestini

Quattro chiacchiere con la giornalista Rossella Prestini; parliamo di come si è evoluto il giornalismo, di fake news e di fonti attendibili.

Challenge “Stay at Home”: sfida accettata

Se in questo periodo di aprile 2020 mi chiedessero un sinonimo di “bomba ad orologeria”, gli risponderei sicuramente: “Libertà”. Di Barbara Scaglia, classe 5CT (ITC Lunardi)

Routine scolastica dell’anno del grande contagio

07:30: suona la prima delle 4 sveglie che ho preimpostato sul cellulare. Ho già sperimentato e mi ci vogliono tutte per farmi alzare; sono già di malumore… Di Anna, quinta liceo

Rubrica GGQ – Giovani Giornalisti in Quarantena

Ci chiediamo come sia oltre a questi pcche ci tengono connessi, oltre le mura delle nostre case. Abbiamo voglia di sapere di voi e così abbiamo pensato a GiGi Q, la nostra rubrica per i Giovani Giornalisti in Quarantena.