Silenzio e semplicità

Silenzio e semplicità 6 Maggio 2020

Aprile 2020: fermezza assoluta, silenzio e tanta distanza.
Tempo, troppo tempo, in cui ci ritroviamo senza volerlo e senza chiederlo.

Noi abituati alle sveglie presto, ai pullman persi e alle campanelle a scuola, ai rumori della città, ora ferma e irraggiungibile, incontriamo una lentezza inconsueta.

Non è la calma degli attimi di pausa, tanto cercata, o del riposo, è una sospensione assoluta, che smarrisce, rimbomba e disturba. È il rumore sordo dell’angoscia che incontra il dolore delle mani che non toccano più la pelle e il calore dell’altro, ricadendo pesanti e sconsolate l’una sull’altra.

Misuriamo, giorno dopo giorno, il nostro corpo sulle pareti di casa, che ora conosciamo a memoria. Ci sentiamo chiusi, impossibilitati, sotto la minaccia costante del nemico invisibile di cui parla il telegiornale.

Numeri, sempre in crescita, che rimbombano in ogni dove e che insinuandosi meschinamente nella consapevolezza fanno male. Solo i numeri parlano, perché le persone hanno perso il nome e non possono più raccontare.

Noi che ci sentiamo sempre privati del tempo, ora non sappiamo più che farne. Ci scorre addosso, inafferrabile, e cerca di corrodere sogni, relazioni e speranza. È il tempo dell’indugio e dell’incertezza, della volontà bloccata sulla soglia di casa e degli occhi rivolti fuori dalle finestre per sapere, per cercare risposte.

Soluzioni o spiegazioni non arrivano e il tempo sembra diventare qualcosa di cui avere paura.

Evitando di abbandonarmi al rimpianto sterile di momenti migliori, ho inteso il tempo come una condizione utile per sviluppare l’attenzione e come la dimensione generatrice dello sviluppo. Perché senza la pazienza dell’attesa la natura non germoglia, dal momento che il fiore è solo il risultato di una collezione di attimi, sforzi e contatti.

Ed è proprio la lenta sequenza di gesti necessaria alla creazione che ho scelto di catturare in questi giorni così strani, monotoni ma stancanti.

Alla fine è sempre la semplicità a stupire, se si sa prestare occhio.

P.T.
Quinta Liceo – Scienze Umane Liceo Veronica Gambara

Altri articoli da GiGiQ

Food Delivery #2 – Irene Panighetti per GiGiQ

Prosegue l’analisi critica della professione del rider e del mondo del food delivery, con Irene Panighetti.

Come ti senti?

Capita anche a te, come scrive Ilaria nel suo Diario di una diciottenne in quarantena, di sentire la mancanza della città, della scuola, dei tuoi amici, persino della metropolitana piena

Una foto di me che salvo il mondo…

Non parlo con qualcuno che mi capisce davvero da non so quanto tempo e mi sembra di essere in gabbia… Di Sofia, Corte Franca

Pensieri annoiati, fermi, tecnologici

Durante questo periodo di quarantena mi sto un po’ annoiando… Di Marco Ravelli

Reclusione: passa veloce ma si fa atroce

La poesia è finita | e io torno a guardare serie tv per tutta la vita… Di Eleonora Franzoni

La mia vita durante la quarantena

ho un sacco di compiti che mi tocca fare: | il tempo libero lo passo a studiare; | solo la sera ho un po’ di tempo per me: | delle serie-tv sono diventata il re…

Per te, cara Alexandra…

Cara Alexandra, è da tanto che non ci sentiamo, quindi ho deciso di scriverti questa lettera per spiegarti un po’ quello che sta succedendo… Di Elizabeth Corti, 1L LSSA Antonietti Iseo

Una riflessione sul coronavirus

È ormai la fine dell’ inverno, la natura ricomincia a sbocciare scaldata dal tepore della bella stagione, l’algido freddo invernale pare ormai superato, la vita si ridesta dal lungo letargo… Di Marco Gervasoni

Nella testa mia

Non so cosa mi sta succedendo, forse è astinenza | dalla passione che mi dava potenza… Di Bracchi

Al periodo che stiamo vivendo, mi raccomando, stai attento!

Il periodo che stiamo vivendo ora | non ci peggiora ma ci migliora; | questa è un’occasione | che in molti considerano prigione. | Certo, di fuori non puoi andare | Ma con la fantasia tutto si può fare… Di Virginia Tempia

L’importanza che diamo alle cose

L’importanza che diamo alle cose riesce a salvarci dalla monotonia di tutti i giorni… Di Depretis Morena

Post Coronavirus: non ce ne laveremo le mani!

Quando a gennaio i telenotiziari hanno iniziato a diffondere le immagini di ciò che stava accadendo in Oriente, noi italiani, e dico “noi” per non assolvermi dalle mie colpe, eravamo ancora “vicini-vicini”… Di Marta Stefana, 4BL

Diario di una diciottenne in quarantena

Passo tutto il giorno chiusa in camera mia, cercando di evitare il più possibile i miei familiari perché, stressati come siamo, probabilmente finiremmo per litigare. Di una “nervosissima ed insopportabilissima Ilaria, Quarta Liceo Linguistico”

Caro diario, che giorno è oggi?

Non capisco più nulla…i giorni sono tutti uguali, ormai da quasi due mesi. Le giornate si susseguono costanti, cariche di angoscia, paura, terrore, tristezza. Di Andrea Serioli, 1L

Food Delivery – Irene Panighetti per GiGiQ

Un’analisi critica della professione del rider e del mondo del food delivery, con Irene Panighetti.

La scuola ai tempi del Coronavirus

Due giorni di vacanze di Carnevale che si trasformano in delle lunghe ferie inaspettate? Poteva sembrare un sogno, ma è successo realmente. Di Gloria, quarta istituto tecnico-economico

GiGi Q in diretta con Rossella Prestini

Quattro chiacchiere con la giornalista Rossella Prestini; parliamo di come si è evoluto il giornalismo, di fake news e di fonti attendibili.

Challenge “Stay at Home”: sfida accettata

Se in questo periodo di aprile 2020 mi chiedessero un sinonimo di “bomba ad orologeria”, gli risponderei sicuramente: “Libertà”. Di Barbara Scaglia, classe 5CT (ITC Lunardi)

Routine scolastica dell’anno del grande contagio

07:30: suona la prima delle 4 sveglie che ho preimpostato sul cellulare. Ho già sperimentato e mi ci vogliono tutte per farmi alzare; sono già di malumore… Di Anna, quinta liceo

Tempo per pensare

Devo ammettere che questa quarantena mi sta regalando qualcosa di prezioso: il tempo. Di Abdul Hafez Labaran.

Rubrica GGQ – Giovani Giornalisti in Quarantena

Ci chiediamo come sia oltre a questi pcche ci tengono connessi, oltre le mura delle nostre case. Abbiamo voglia di sapere di voi e così abbiamo pensato a GiGi Q, la nostra rubrica per i Giovani Giornalisti in Quarantena.