Ospitare uno studente straniero

Ospitare uno studente straniero 14 settembre 2018

Vuoi ospitare uno studente straniero in casa tua?

Puoi ospitare uno studente straniero di scuola media o scuola superiore, ma puoi anche ospitare uno studente universitario, un tirocinante, un ricercatore, un professore

Per qualche giorno, per mesi o anche per 1 anno intero.

Vedi tu, se hai figli piccoli, adolescenti o più grandi, se non ne hai, se tua figlia è partita a studiare all’estero, se ti fa comodo un guadagno extra, se hai una stanza in più, se…

Rivolgiti a un’agenzia o a un’organizzazione che si occupa di scambi culturali e candidati come famiglia ospitante.

Il processo di selezione può consistere in diverse visite alla tua casa, anche senza preavviso, in interviste ai membri della famiglia, nella richiesta di referenze da parte della scuola, per esempio.

Importanti sono la motivazione di ospitare uno studente straniero, la disponibilità a adattarsi a abitudini diverse, a venirsi incontro, a dialogare.

Alcune organizzazioni forniscono un rimborso spese alle famiglie; altre richiedono l’adesione a titolo volontario.

Anche alcune università e scuole, come l’Università di Palermo, l’Università di Bergamo, l’Accademia europea di Firenze, forniscono il servizio di incontro domanda-offerta di ospitalità.

Alcune agenzie e organizzazioni sono:

Sul blog del settimanale Io Donna del Corriere della sera la signora Sonia Mazzoli di Sovere, sul lago d’Iseo, racconta di aver ospitato una studentessa indonesiana nell’articolo Ospitare uno studente straniero: un’esperienza da fare.

A ottobre 2017 le famiglie degli studenti della Scuola secondaria di primo grado di San Pellegrino Terme (BG) hanno ospitato 17 ragazzi e 14 insegnanti provenienti da Portogallo, Slovenia e Turchia.

Gli studenti Francesco Tassi, Erik Basso, Camilla Bonaiti, Martina Cavagna, Alessandro Ruggeri, Davide Zilli, Riccardo Monaci, Maria Vittoria Mannello, Aronne e Roberto Hagos raccontano com’è andata. Maria Vittoria dice: “Insomma è stata una settimana bizzarra, anche perché ho tralasciato molte altre cose divertenti. Io sono già andata in Portogallo, è stato molto bello essere ospitati” e Riccardo: “Mi è dispiaciuto quando è andato via in Portogallo”.

Photo by AFS-USA Intercultural Programs