Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego – NASpI

Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego – NASpI 4 settembre 2015

Quali sono le prestazioni a sostegno del reddito note come indennità di disoccupazione? Quali i requisiti per ottenerle?

In questo articolo parliamo dell’indennità NASpI (Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego).

 

Cos’è

È una forma di sostegno al reddito per lavoratori con rapporto di lavoro subordinato che abbiano perso l’occupazione involontariamente.

 

A chi è rivolta

Ai lavoratori con rapporto di lavoro subordinato, esclusi i dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni e gli operai agricoli.
È riconosciuta anche a chi abbia rassegnato le dimissioni per giusta causa.

 

Requisiti

  • almeno 13 settimane di contribuzione nei 4 anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione
  • 30 giornate di lavoro effettivo nei 12 mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione

 

Domanda

Va presentata all’ INPS in via telematica entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro o tramite patronati e intermediari dell’INPS.

L’erogazione della NASpI è condizionata alla sottoscrizione di un patto di servizio personalizzato, che prevede la partecipazione al iniziative di attivazione lavorativa e a percorsi di riqualificazione professionale proposti dai servizi competenti e l’accettazione di congrue offerte di lavoro.

La domanda di sostegno al reddito equivale alla dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro (DID); per usufruire del patto di servizio occorre recarsi entro 15 giorni presso un operatore accreditato. L’elenco degli operatori accreditati è riportato sull’ apposito portale di Regione Lombardia, dove è necessario registrarsi.

 

Durata della prestazione

È corrisposta mensilmente per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi 4 anni.
Si riduce del 3% ogni mese a decorrere dal primo giorno del quarto mese di fruizione.

Si può richiedere la liquidazione anticipata in unica soluzione dell’importo complessivo a titolo di incentivo all’avvio di un’attività lavorativa autonoma o di impresa individuale o per la sottoscrizione di una quota di capitale sociale di una cooperativa nella quale il rapporto mutualistico abbia ad oggetto la prestazione di attività lavorative da parte del socio.

 

Per approfondimenti consulta il portale del Ministero del lavoro dedicato alla riforma nota come Jobs act.

 

Informazioni aggiornate a: settembre 2015

 

 

Photo by ariesa66