Volontariato

Vuoi trascorrere l’estate all’estero, ma non vuoi fare il turista, e tanto meno vuoi stare seduto in un’aula a seguire lezioni di lingua e ti piacciono le novità?
Fai volontariato!

4835272816_cf6eb11446_b

Campi di lavoro

Un campo di lavoro è un’esperienza di volontariato di gruppo.

Sempre più giovani scelgono di partecipare a un campo di lavoro all’estero (non solo all’estero: ci sono anche campi di lavoro in Italia).

Cosa si fa in un campo di lavoro?

Dipende dal campo e da te: puoi scegliere il campo che preferisci e, all’interno del campo che hai scelto, puoi parlare con gli altri partecipanti e insieme potete decidere e distribuire le mansioni anche in base alle competenze e alle inclinazioni di ciascuno.

In Normandia  e in Francia, per esempio, potresti lavorare alla ricostruzione di un sito archeologico, su un’isola del Mediterraneo, invece, potresti catalogare uova di tartaruga.

Partecipare a un campo significa condividere un progetto solidale con persone provenienti da diversi luoghi del globo e fare qualcosa di concreto per il mondo in cui viviamo, per noi e per gli altri.

Può essere un’esperienza divertente e anche utile, perché è un’occasione per parlare una lingua straniera – fare pratica e prendere confidenza – o, addirittura, impararne una nuova.

Al rientro puoi aggiungere al tuo curriculum cosa hai imparato (lavorare in gruppo, organizzare e organizzarsi, svolgere mansioni diverse, rispettare i tempi come richiesto, ecc.).

Per scoprire i progetti e dove si svolgono dai un’occhiata ai siti delle associazioni italiane che li organizzano.

Servizio Volontario Europeo

Il Servizio Volontario Europeo è un programma della Commissione Europea che ti permette, se hai tra i 17 e i 30 anni, di vivere fino a 12 mesi in un altro Paese per collaborare a un progetto di volontariato.

Puoi partecipare a un progetto in uno qualsiasi degli Stati membri dell’Unione europea (ma ci sono limitate possibilità anche per Paesi extra-UE ) e nel settore che preferisci: dall’ambiente all’arte, dalla cultura alle attività sociali, dallo sport al tempo libero.

“Fare lo SVE” è un modo di esprimere solidarietà e acquisire competenze nuove o approfondire competenze che hai già.

Le spese a tuo carico sono quasi nulle: la Commissione Europea copre il 90% del viaggio, le spese di vitto e alloggio, i trasporti locali, la formazione pre-partenza, la formazione linguistica, la copertura assicurativa e un pocket money mensile che varia di Paese in Paese a seconda del costo della vita.

Al termine dell’esperienza dello SVE riceverai lo Youthpass, un attestato che serve a certificare le competenze che hai acquisito.

Per partecipare rivolgiti a un’organizzazione di invio accreditata.

Enti di invio SVE

Atelier europeo di Brescia
Cooperativa Mistral
 di Brescia
Tempo Libero Società Cooperativa Sociale ONLUS di Brescia
Associazione Punto Missione Onlus di Rodengo Saiano (BS)
Informagiovani di Sarezzo (BS)
Fondazione Giuseppe Antonio Galignani di Palazzolo sull’Oglio (BS)
Fondazione Istituto Morcelliano di Chiari (BS)
Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita di Chiari (BS)

Segnaliamo, fuori dalla provincia di Brescia, alcune organizzazioni molto attive e con lunga esperienza:

Associazione Ciessevi di Milano
Associazione Joint di Milano
Alce Nero di Mantova
Associazione Xena di Padova
AFSAI di Roma
YAP di Roma
Associazione Lunaria di Roma
Accademia Europea di Firenze

 

Siti che pubblicano opportunità SVE:
Portale dei giovani
Rete italiana servizio volontario europeo (7 enti di invio italiani pubblicano le proprie opportunità)
Associazione scambi europei

Servizio civile nazionale all’estero

Il Servizio Civile Nazionale all’Estero è un’esperienza di volontariato internazionale prevista nell’ambito del Servizio Civile Nazionale, ed è gestito dall’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile (UNSC).

Con il Servizio Civile all’estero puoi scegliere di fare volontariato non solo in Italia ma anche in Africa, America, Asia e in Europa e anche in quale ambito fare volontariato: assistenza, promozione culturale, cooperazione, interventi post-conflitto, ambiente, e tanti altri.

Il Servizio Civile Nazionale all’Estero dura 1 anno.

L’impegno lavorativo richiesto varia a seconda del progetto, ma in media prevede dalle 25 alle 35 ore settimanali.

Riceverai un compenso base mensile di circa 430 euro, un’integrazione di 15 euro al giorno e un contributo per le spese di alloggio e mantenimento all’estero di 20 euro al giorno (nel caso in cui non siano già coperte dagli enti ospitanti).

Per poter partecipare al SCN all’estero devi avere tra 18 e 28 anni, godere dei diritti civili e politici e avere l’idoneità fisica.

Ogni anno l’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile pubblica i bandi.

Talvolta, sono previsti bandi straordinari.

Se vuoi provare a fare questa esperienza devi presentare la domanda di partecipazione secondo i tempi e le modalità indicati nel bando.

 

Photo by Mangrove Mike