Menu
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Men at Work: A. Goglio + S. Seraglio

sabato 28 novembre 2015 | 16:00 - 19:00

|Evento ricorrente (vedi tutto)
dal 28 novembre al 5 dicembre; da giovedì a sabato 16.00-19.00
Gratuito

Men at Work: doppia personale di Alberto Goglio & Stefano Seraglio.

Apertura: dal 28 novembre al 5 dicembre: da giovedì a sabato dalle 16.00 alle 19.00.

Inaugurazione: sabato 28 novembre – ore 18.00.

Testi critici di Anna Lisa Ghirardi e Paolo Meneghetti.

Lo spazio in cui espone Alberto Goglio è dominato da una grande opera pittorica site-specific, realizzata ad olio su carta da lucido, che occupa la parete più lunga. Il titolo dell’installazione pittorica è L’isola dei morti. Il riferimento all’opera di Böcklin, tema su cui Goglio si cimentò agli esordi della sua attività pittorica, si riveste in questo caso di una cupa ironia. Si tratta, infatti, di un’isola assai affollata, metafora pittorica del dramma quotidiano dei barconi carichi di migranti che trovano la morte nel tentativo di raggiungere le coste europee. Sulle due pareti più piccole trovano posto un quadro e un piccolo intervento pittorico, realizzato anch’esso su carta da lucido. Come una sorta di contrappunto all’opera più grande, le figure, rappresentate nell’atto di compiere gesti tecnici legati a due “quasi sport”, come il gioco del frisbee e il minigolf, simboleggiano automatismi, geometrie, atteggiamenti e relazioni che disegnano la trama inconscia del nostro quotidiano. L’utilizzo della carta da lucido, capovolta rispetto al verso su cui è stata dipinta, da un lato consente di ridurre al minimo la percezione della fisicità del supporto, nell’intento di avvicinare il più possibile la pittura al muro, il quale emerge come sfondo dalla superficie opalina, dall’altro allontana il gesto pittorico, raffreddandolo dietro ad uno schermo semi-trasparente. Dietro a questa scelta, Goglio cerca un dialogo evidente con il quadro, realizzato a olio, smalto e plexiglass, in cui la lastra di acrilico assume la medesima funzione di “schermo raffreddante”. La stanza è perciò interpretabile come un unicum, in cui l’elementarismo espressivo che caratterizza la scelta pittorica cerca un legame formale con lo spazio asettico che ospita le opere.

Stefano Seraglio presenta due installazioni e un’opera pittorica. Le prime agiscono attraverso il cambiamento di funzione di oggetti e sul conseguente risultato percettivo, materiali osservati nei loro aspetti potenziali e transitori. In Clessidra l’artista esibisce una piramide di sabbia accumulata sopra un tavolo cubico sotto il quale un microfono tenta paradossalmente di intercettare e amplificare le imponderabili vibrazioni della sabbia in caduta condizionando l’equilibrio di un “sistema planetario” di palline da ping pong sostenute da due woofer. Un lavoro sulla variazione temporale e sul perenne divenire della materia. Nella seconda opera, Aprire un varco per modellare l’aria, una ventola da soffitto viene capovolta fino a rasentare il pavimento e agisce con l’azione rotante della pala sul muro della parete adiacente sfregando parte della calce superficiale, una riflessione sull’idea tradizionale di scultura come azione sottrattiva del supporto inutile e sul valore del vuoto sul pieno. Le due installazioni esprimono condizioni temporanee, apparentemente prossime a uno stato evolutivo, sono oggetti provvisori sostenuti da un equilibrio delicato. Il lavoro pittorico invece vuol essere una riflessione sul linguaggio stesso della pittura, il rapporto di questa con lo spazio, sia mentale che fisico. In Painting da una superficie di colore non completamente asciutta sono stati “spellati” spessi lembi di colore, accumulati in seguito in un angolo della stanza di cui hanno preso la forma trapezoidale. Questa pittura nel suo accartocciarsi è pensata come strumento di misura dello spazio e come sensore delle vibrazioni luminose dell’ambiente circostante rivelate nelle pieghe cutanee della sua pelle. Un vetro posto davanti diviene una membrana che separa e, allo stesso tempo, rende comunicabili attraverso la trasparenza i due mondi, quello dell’invenzione e quello della realtà, l’interno e l’esterno.

Dettagli

Data:
sabato 28 novembre 2015
Ora:
16:00 - 19:00
Prezzo:
Gratuito
Categoria Evento:
Tag Evento:

Organizzatore

Luogo

Brescia, BS Italia + Google Maps