Menu
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Ettore Giuradei, La nostalgia della condizione sconosciuta

sabato 3 giugno 2017 | 21:00 - 23:00

Gratuito

Presentazione del film Ettore Giuradei, La nostalgia della condizione sconosciuta di Andrea Grasselli.

Il Progetto: Il film mette sotto i riflettori la figura pubblica e privata di Ettore Giuradei, cantautore e attore teatrale, indagando in profondità le modalità dell’atto creativo e il suo impatto sulla psiche dell’uomo; racconta Ettore e le sue emozioni, nel momento più drammatico della sua carriera: la crisi, la messa in discussione della propria forma espressiva e la decisione di abbandonare il palcoscenico.

Dopo tre anni di riprese il film Ettore Giuradei – la nostalgia della condizione sconosciuta può essere finalmente post-prodotto e quindi finalizzato. Quale forma, quale racconto? È ancora in divenire. In divenire come il percorso artistico e creativo intrapreso dal cantautore Ettore Giuradei e dal documentarista Andrea Grasselli. L’intento è di produrre un documentario che mostri la crisi dell’uomo-artista in un momento particolare della propria vita. Il film racconta, infatti, il momento di svolta del musicista: l’abbandono del palcoscenico. Questo rifiuto di suonare in pubblico, non significa però un allontanamento dalla musica o dalla forma espressiva, ma consiste in una presa di posizione per riflettere sulle proprie modalità espressive. Il film quindi indaga e racconta questi momenti di intimità e di ricerca nel quotidiano dell’artista e, osservandolo discretamente, mostra che cosa voglia dire dare un nuovo senso alla propria esistenza. Le riprese del film quindi si trasformano in una ricerca esistenziale sull’uomo e sulle sue esigenze, le sue pulsioni, le sue paure, le sue identità e le sue rappresentazioni. Sono quindi queste tematiche che costringono il documentario ad interrogarsi sulla propria funzione e sulla propria espressività. La conseguenza è il
cambio di forma: l’auto-ripresa per riflettere l’autoanalisi dell’artista; tratti surreali nel quotidiano, seguendo
le tracce dei testi del cantautore; messe in scena per mostrare gli stati emotivi più profondi, facendo leva sul
passato attoriale del musicista. In definitiva il film vuole scandagliare il bisogno di rappresentare qualcosa che ci manca e che non possiamo vivere; e l’impossibilità di arrestare questo bisogno.

Note di Regia: «Il percorso autoriale da me intrapreso è stato quello di indagare, osservando e mostrando,
le evoluzioni della persona Ettore; ascoltando, soprattutto, la sua necessità di creare contrapposizione e dualismo con il “personaggio” che si è creato nel corso della sua carriera. Questo confronto continuo con il musicista ha portato alla rottura di quella sottile linea di demarcazione tra colui che rappresenta e colui che è rappresentato. Quindi, come se si trattasse di un film di finzione, alcune scene e situazioni sono state studiate e scritte assieme ad Ettore, e poi messe in scena, mantenendo uno stile uniforme al resto del documentario. Questo interesse per la figura dell’artista-cantautore nasce da una mia volontà di realizzare un documentario a forte carattere musicale. Le motivazioni della mia scelta nei confronti di Ettore sono state principalmente
due. In primis il momento particolare della sua carriera personale: la scelta di abbandonare il palco della musica suonata, ricercando nuove forme espressive, e quindi un momento drammatico nella sua vita. Il secondo motivo, di maggiore importanza, la sua espressione corporea sul palco e fuori: sul palcoscenico, senza proferire parola tra un pezzo e l’altro (anomalia per un frontman) forniva un incredibile contributo fisico al concerto, nonostante alle volte fosse distante da ciò che faceva; e fuori dal palco, la sua espressività fisica rimaneva sempre molto forte e tagliente. Queste suggestioni mi hanno incuriosito immediatamente, e mi hanno spinto a ricercare in lui qualcosa che non si poteva vedere subito, ma solo intuire; per scoprirlo ho avuto la necessità di intraprendere un percorso assieme a lui.»

Dettagli

Data:
sabato 3 giugno 2017
Ora:
21:00 - 23:00
Prezzo:
Gratuito
Categoria Evento:
Tag Evento:

Organizzatore

Ass. Culturale Primo Piano
Telefono:
+39 030 5031091
Email:
eventi@letterarioprimopiano.it
Sito web:
http://www.letterarioprimopiano.it/

Luogo

Caffè Letterario Primo Piano
via C. Beccaria 10
Brescia, 25121 Italia
+ Google Maps
Telefono:
+39 030 5031091
Sito web:
http://www.letterarioprimopiano.it/