Diario di una diciottenne in quarantena

Diario di una diciottenne in quarantena 11 Maggio 2020

Caro Diario,
È trascorso un mese dall’inizio di questa maledetta quarantena, e già dopo la prima settimana non ce la facevo più.

Passo tutto il giorno chiusa in camera mia, cercando di evitare il più possibile i miei familiari perché, stressati come siamo, probabilmente finiremmo per litigare.

Mio fratello minore Andrea, che è un fanatico del calcio, è molto giù di corda perché non può allenarsi con i suoi amici, perciò spreca le sue giornate davanti alla playstation a giocare con i suoi videogiochi e si arrabbia con me quando lo costringo a fare i compiti. Mia madre è un’insegnante e, come tutti gli insegnanti, sta andando fuori di testa a forza di programmare video lezioni, interrogazioni, riassunti, verifiche virtuali. Mio fratello maggiore Luca è stato costretto a posticipare alcuni esami che gli avrebbero permesso di laurearsi entro un anno e mezzo e soffre tantissimo la lontananza della sua ragazza.

Io, invece, non sopporto di dover stare chiusa in casa, senza poter uscire nemmeno a fare per una passeggiata, senza poter nemmeno andare a fare o per la spesa con mia mamma. Passo i miei pomeriggi in camera mia, cercando di leggere qualche libro vecchio e dimenticato della mia libreria o suonando le stesse quattro melodie al pianoforte o stesa sul divano con il telecomando in mano, sperando che stiano trasmettendo qualcosa di interessante alla televisione. Ma su qualsiasi canale, su in qualsiasi trasmissione, c’è un solo protagonista: il COVID-19.

Le mie giornate sono tutte uguali: mi alzo tutte le mattine alle sette e mezza, faccio colazione, alle nove iniziano le lezioni, a mezzogiorno scendo in sala da pranzo, mangio, torno in camera mia, svolgo i compiti, scendo in soggiorno, non faccio nulla finché non è ora di cena, mangio, vado in camera da letto e dormo. La cosa peggiore è che questa lenta e monotona routine mi fa perdere la cognizione del tempo: a volte mi sembra che sia passata un’ora ed invece sono passati solo dieci minuti, non mi ricordo più se è lunedì, martedì o venerdì. A volte esco in giardino e rimango seduta sulla panchina in mezzo al prato e guardo fuori dal cancello e sogno di poter uscire, anche solo per un attimo, anche solo per fare la spesa.

Ieri stavo parlando con mia mamma e all’improvviso le ho detto quello che provavo. Le ho detto che ero arrabbiata con chi ha sottovalutato il problema, furiosa con chi ha sostenuto fino all’ultimo, anche davanti all’evidenza, che il virus non fosse più pericoloso di quello di una semplice influenza. Le ho confidato che mi manca la città, mi mancano la scuola, i miei amici, mi mancano persino la metropolitana piena di gente alle sette e mezzo di mattina, persino le persone che camminano lentamente davanti a me quando ho fretta, persino gli autisti che arrivano puntualmente in ritardo e che, quando una macchina li supera, iniziano a bestemmiare. Le ho detto che, se davvero prolungassero la quarantena fino a maggio, io impazzirei, impazzirei davvero e che non riesco a stare buona e tranquilla senza avere niente da fare a parte i compiti.

Mi manca la vita sociale perché, lo sanno tutti, nessun uomo è un’isola, ma, stando chiusa in casa, io mi sento come Robinson Crusoe. Mia mamma è una donna severa e razionale.

Non mi ha confortato, non mi ha rassicurato dicendomi sciocchezze come “Vedrai che passerà” o “Sono sicura che tornerà tutto come prima molto presto”. No, lei mi ha guardato negli occhi severamente e mi ha detto: “Bisogna essere resilienti”.

La Resilienza è, secondo il dizionario, la capacità di affrontare e superare un evento traumatico o un periodo di difficoltà, riuscendo a trovare anche i lati positivi in una situazione sgradevole e purtroppo temo che non sia esattamente il mio forte. Al contrario, la quarantena mi ha trasformato in una specie di radar che riesce cogliere gli aspetti negativi in qualsiasi cosa o persona che prima non notavo: non sopporto quando mio fratello fischietta, o quando lascia il tappo del dentifricio aperto, mi dà fastidio quando mio papà canta le sue
canzoni di Lucio Battisti o quando mia mamma mi chiama perché non riesce a far funzionare il computer.

La quarantena è dura per me, ma ovviamente mi rendo conto che, in fondo, sono fortunata: c’è chi è in pericolo di vita, c’è chi ha perso un proprio caro per colpa della malattia, c’è chi era andato in vacanza all’estero ed è rimasto bloccato per via del coronavirus, lontano da casa e dagli affetti familiari. A volte mi rendo conto che potrei sembrare esageratamente lamentosa, ma questo è, purtroppo, l’effetto che la reclusione forzata ha su di me: mi rende insopportabile. Sono grata, però, di avere una famiglia che mi tollera, nonostante mi alzi tutte le mattine con la luna storta.

Spero vivamente che il virus passi presto e che io possa tornare all’aria aperta il prima possibile e spero anche di essere di buon umore la prossima volta che ti scriverò, caro Diario.

Tua, nervosissima ed insopportabilissima,
Ilaria, Quarta Liceo Linguistico

 

Altri articoli da GiGiQ

Partecipa al design contest per il Marchio europeo di qualità dell’informazione per i giovani

Termine per la partecipazione: 15 luglio 2020. Hai tra i 18 e i 30 anni? Ti piace fotografare, disegnare (su carta e in digitale), creare? Sei cittadino o residente di

Youth4Regions per studenti di giornalismo e giovani giornalisti

Termine per partecipare: 13 luglio 2020. Youth4Regions aiuta studenti di giornalismo e giovani giornalisti a scoprire cosa sta facendo l’Unione europea nella loro regione. Hai dai 18 ai 30 anni?

Food Delivery #2 – Irene Panighetti per GiGiQ

Prosegue l’analisi critica della professione del rider e del mondo del food delivery, con Irene Panighetti.

Come ti senti?

Capita anche a te, come scrive Ilaria nel suo Diario di una diciottenne in quarantena, di sentire la mancanza della città, della scuola, dei tuoi amici, persino della metropolitana piena

Una foto di me che salvo il mondo…

Non parlo con qualcuno che mi capisce davvero da non so quanto tempo e mi sembra di essere in gabbia… Di Sofia, Corte Franca

Pensieri annoiati, fermi, tecnologici

Durante questo periodo di quarantena mi sto un po’ annoiando… Di Marco Ravelli

Reclusione: passa veloce ma si fa atroce

La poesia è finita | e io torno a guardare serie tv per tutta la vita… Di Eleonora Franzoni

La mia vita durante la quarantena

ho un sacco di compiti che mi tocca fare: | il tempo libero lo passo a studiare; | solo la sera ho un po’ di tempo per me: | delle serie-tv sono diventata il re…

Per te, cara Alexandra…

Cara Alexandra, è da tanto che non ci sentiamo, quindi ho deciso di scriverti questa lettera per spiegarti un po’ quello che sta succedendo… Di Elizabeth Corti, 1L LSSA Antonietti Iseo

Una riflessione sul coronavirus

È ormai la fine dell’ inverno, la natura ricomincia a sbocciare scaldata dal tepore della bella stagione, l’algido freddo invernale pare ormai superato, la vita si ridesta dal lungo letargo… Di Marco Gervasoni

Nella testa mia

Non so cosa mi sta succedendo, forse è astinenza | dalla passione che mi dava potenza… Di Bracchi

Al periodo che stiamo vivendo, mi raccomando, stai attento!

Il periodo che stiamo vivendo ora | non ci peggiora ma ci migliora; | questa è un’occasione | che in molti considerano prigione. | Certo, di fuori non puoi andare | Ma con la fantasia tutto si può fare… Di Virginia Tempia

L’importanza che diamo alle cose

L’importanza che diamo alle cose riesce a salvarci dalla monotonia di tutti i giorni… Di Depretis Morena

Post Coronavirus: non ce ne laveremo le mani!

Quando a gennaio i telenotiziari hanno iniziato a diffondere le immagini di ciò che stava accadendo in Oriente, noi italiani, e dico “noi” per non assolvermi dalle mie colpe, eravamo ancora “vicini-vicini”… Di Marta Stefana, 4BL

Caro diario, che giorno è oggi?

Non capisco più nulla…i giorni sono tutti uguali, ormai da quasi due mesi. Le giornate si susseguono costanti, cariche di angoscia, paura, terrore, tristezza. Di Andrea Serioli, 1L

Food Delivery – Irene Panighetti per GiGiQ

Un’analisi critica della professione del rider e del mondo del food delivery, con Irene Panighetti.

La scuola ai tempi del Coronavirus

Due giorni di vacanze di Carnevale che si trasformano in delle lunghe ferie inaspettate? Poteva sembrare un sogno, ma è successo realmente. Di Gloria, quarta istituto tecnico-economico

Silenzio e semplicità

Aprile 2020: fermezza assoluta, silenzio e tanta distanza. Tempo, troppo tempo, in cui ci ritroviamo senza volerlo e senza chiederlo.
Di P.T. Quinta liceo Veronica Gambara

GiGi Q in diretta con Rossella Prestini

Quattro chiacchiere con la giornalista Rossella Prestini; parliamo di come si è evoluto il giornalismo, di fake news e di fonti attendibili.

Challenge “Stay at Home”: sfida accettata

Se in questo periodo di aprile 2020 mi chiedessero un sinonimo di “bomba ad orologeria”, gli risponderei sicuramente: “Libertà”. Di Barbara Scaglia, classe 5CT (ITC Lunardi)

Routine scolastica dell’anno del grande contagio

07:30: suona la prima delle 4 sveglie che ho preimpostato sul cellulare. Ho già sperimentato e mi ci vogliono tutte per farmi alzare; sono già di malumore… Di Anna, quinta liceo

Tempo per pensare

Devo ammettere che questa quarantena mi sta regalando qualcosa di prezioso: il tempo. Di Abdul Hafez Labaran.

Rubrica GGQ – Giovani Giornalisti in Quarantena

Ci chiediamo come sia oltre a questi pcche ci tengono connessi, oltre le mura delle nostre case. Abbiamo voglia di sapere di voi e così abbiamo pensato a GiGi Q, la nostra rubrica per i Giovani Giornalisti in Quarantena.

Commenti

commenti