Challenge “Stay at Home”: sfida accettata

Challenge “Stay at Home”: sfida accettata 29 Aprile 2020

Se in questo periodo di aprile 2020 mi chiedessero un sinonimo di “bomba ad orologeria”, gli risponderei sicuramente: “Libertà”.

Un ordigno pericoloso in questo momento e che ognuno, facendo il conto alla rovescia, spera esploda il prima possibile; ma le date continuano a cambiare e la speranza di superare questo dramma piano piano si affievolisce.

La sera prima di andare a dormire, dopo aver guardato le stories di Instagram, mentre siamo stesi a pancia in su osservando il soffitto, immaginiamo quella sensazione di euforia che invaderà la nostra anima il giorno in cui potremo finalmente uscire; o almeno, per me è così. Penso a quando potrò rivedere la mia famiglia, i miei amici e sì, penso anche al Pirlo Campari che mi berrò in loro compagnia quel giorno.

Però non mi accontento di poco. Io immagino un mondo senza mascherine, immagino di poter mettere il nuovo rossetto acquistato online durante la quarantena e lasciarlo stampato sulla guancia delle persone a cui voglio bene, perché in quel momento che tanto immagino potrò guardarle negli occhi, abbracciarle e superare quella distanza che ci divide ormai da settimane.

Probabilmente saranno tutti così felici che non si lamenteranno neanche del segno rosa glitterato con la forma delle mie labbra sulla loro guancia. Quello che intendo dire è che stare a casa è difficile, ma necessario; fondamentale oserei aggiungere. Se vogliamo tornare a vivere come prima non possiamo permetterci di infrangere le regole, si tratta di rispetto reciproco: c’è in gioco la vita di molte persone e la sopravvivenza di altre. Davvero siamo così egoisti da fregarcene? Per me no, possiamo essere molto più intelligenti. Anche perché, sarei curiosa di sapere, chi desidera uscire e andare al bar o in pizzeria dovendo stare due metri di distanza lontano dal proprio partner: non sarebbe triste? Conosco il dolore che si prova non potendo vedere chi ami, esattamente come tutti, ma proprio per non soffrire più è il momento di prendere in mano il coraggio e di chiudersi in casa definitivamente.

#QUARANTENA: COSA FARE A CASA?

Ragazzi, potete fare davvero molte cose! Siamo tutti d’accordo che nessuno possiede gli stessi attrezzi per continuare a coltivare le proprie passioni o migliorare nel proprio sport.

Per esempio, io a differenza di altri miei conoscenti non posso praticare il mio sport a casa; per fare Pole dance serve un palo e non uno di quelli che trovi su Amazon a 35,99 euro, ma uno di quelli in acciaio e sicuro da usare. Però posso scegliere di allenarmi in altri modi, scaricando apposite applicazioni o seguendo i video tutorial sui social. Sempre cercando in internet si può trovare un numero infinito di ricette e chi, come me, non si è mai messo ai fornelli in vent’anni se non per cucinarsi un piatto di pasta, ora può sbizzarrirsi cucinando ciò che preferisce.

Si può anche provare a cucire, dedicarsi ai lavori di casa dalla semplice lavatrice al sistemare l’antavdell’armadietto rotta, si possono seguire video tutorial di make up o concludere il livello di quel gioco alla Playstation rimasto incompleto. Potete scrivere, comporre canzoni. Se cercate bene su Youtube troverete anche tutorial su come far suonare i bicchieri, nel caso siate musicisti creativi o semplicemente persone curiose.

E la scatola del Monopoli dimenticata nello scatolone dello sgabuzzino dal 2011? Potrebbe essere il momento giusto per tirarla fuori. Nel caso mancasse qualche pedina potete usare qualsiasi altro piccolo oggetto, se invece mancassero delle banconote potete sempre stamparle (o disegnarle) voi; e no, nel Monopoli non c’è rischio che si verifichi un’inflazione! Basta avere voglia e volontà di mettersi in gioco. Potete anche scattare foto artistiche o semplicemente di quello che state facendo, scrivete frasi poetiche o rime d’impatto come didascalia aggiungendo qualche hashtag qua e là. E non c’è bisogno di abbattersi nel caso la torta non uscisse come avreste voluto o i bicchieri non emettano alcun suono, troverete il vostro passatempo adatto.

O ancora chiamate, scrivete, videochiamate le persone a cui volete bene, l’importante è rimanere uniti e supportarsi a vicenda, continuando la propria vita con tutte le sue difficoltà e i suoi attimi di gioia.

Ora focalizzatevi sul momento in cui potremo incontrarci tutti di nuovo, senza guanti, mascherine o terrore di avvicinarci l’uno all’altro, sognate quell’attimo e che arrivi il prima possibile!

Fatto? Bene, e ora vi chiedo, siete ancora sicuri di non riuscire a rimanere a casa?

Barbara Scaglia, classe 5CT (ITC Lunardi)

Altri articoli da GiGiQ

Food Delivery #2 – Irene Panighetti per GiGiQ

Prosegue l’analisi critica della professione del rider e del mondo del food delivery, con Irene Panighetti.

Come ti senti?

Capita anche a te, come scrive Ilaria nel suo Diario di una diciottenne in quarantena, di sentire la mancanza della città, della scuola, dei tuoi amici, persino della metropolitana piena

Una foto di me che salvo il mondo…

Non parlo con qualcuno che mi capisce davvero da non so quanto tempo e mi sembra di essere in gabbia… Di Sofia, Corte Franca

Pensieri annoiati, fermi, tecnologici

Durante questo periodo di quarantena mi sto un po’ annoiando… Di Marco Ravelli

Reclusione: passa veloce ma si fa atroce

La poesia è finita | e io torno a guardare serie tv per tutta la vita… Di Eleonora Franzoni

La mia vita durante la quarantena

ho un sacco di compiti che mi tocca fare: | il tempo libero lo passo a studiare; | solo la sera ho un po’ di tempo per me: | delle serie-tv sono diventata il re…

Per te, cara Alexandra…

Cara Alexandra, è da tanto che non ci sentiamo, quindi ho deciso di scriverti questa lettera per spiegarti un po’ quello che sta succedendo… Di Elizabeth Corti, 1L LSSA Antonietti Iseo

Una riflessione sul coronavirus

È ormai la fine dell’ inverno, la natura ricomincia a sbocciare scaldata dal tepore della bella stagione, l’algido freddo invernale pare ormai superato, la vita si ridesta dal lungo letargo… Di Marco Gervasoni

Nella testa mia

Non so cosa mi sta succedendo, forse è astinenza | dalla passione che mi dava potenza… Di Bracchi

Al periodo che stiamo vivendo, mi raccomando, stai attento!

Il periodo che stiamo vivendo ora | non ci peggiora ma ci migliora; | questa è un’occasione | che in molti considerano prigione. | Certo, di fuori non puoi andare | Ma con la fantasia tutto si può fare… Di Virginia Tempia

L’importanza che diamo alle cose

L’importanza che diamo alle cose riesce a salvarci dalla monotonia di tutti i giorni… Di Depretis Morena

Post Coronavirus: non ce ne laveremo le mani!

Quando a gennaio i telenotiziari hanno iniziato a diffondere le immagini di ciò che stava accadendo in Oriente, noi italiani, e dico “noi” per non assolvermi dalle mie colpe, eravamo ancora “vicini-vicini”… Di Marta Stefana, 4BL

Diario di una diciottenne in quarantena

Passo tutto il giorno chiusa in camera mia, cercando di evitare il più possibile i miei familiari perché, stressati come siamo, probabilmente finiremmo per litigare. Di una “nervosissima ed insopportabilissima Ilaria, Quarta Liceo Linguistico”

Caro diario, che giorno è oggi?

Non capisco più nulla…i giorni sono tutti uguali, ormai da quasi due mesi. Le giornate si susseguono costanti, cariche di angoscia, paura, terrore, tristezza. Di Andrea Serioli, 1L

Food Delivery – Irene Panighetti per GiGiQ

Un’analisi critica della professione del rider e del mondo del food delivery, con Irene Panighetti.

La scuola ai tempi del Coronavirus

Due giorni di vacanze di Carnevale che si trasformano in delle lunghe ferie inaspettate? Poteva sembrare un sogno, ma è successo realmente. Di Gloria, quarta istituto tecnico-economico

Silenzio e semplicità

Aprile 2020: fermezza assoluta, silenzio e tanta distanza. Tempo, troppo tempo, in cui ci ritroviamo senza volerlo e senza chiederlo.
Di P.T. Quinta liceo Veronica Gambara

GiGi Q in diretta con Rossella Prestini

Quattro chiacchiere con la giornalista Rossella Prestini; parliamo di come si è evoluto il giornalismo, di fake news e di fonti attendibili.

Routine scolastica dell’anno del grande contagio

07:30: suona la prima delle 4 sveglie che ho preimpostato sul cellulare. Ho già sperimentato e mi ci vogliono tutte per farmi alzare; sono già di malumore… Di Anna, quinta liceo

Tempo per pensare

Devo ammettere che questa quarantena mi sta regalando qualcosa di prezioso: il tempo. Di Abdul Hafez Labaran.

Rubrica GGQ – Giovani Giornalisti in Quarantena

Ci chiediamo come sia oltre a questi pcche ci tengono connessi, oltre le mura delle nostre case. Abbiamo voglia di sapere di voi e così abbiamo pensato a GiGi Q, la nostra rubrica per i Giovani Giornalisti in Quarantena.