Caro diario, che giorno è oggi?

Caro diario, che giorno è oggi? 11 Maggio 2020

Caro diario, oggi è…lunedì? martedì? Ma che giorno è oggi? Siamo in aprile? Ok, il mio smartphone mi dice che oggi è il 20 aprile.

Non capisco più nulla…i giorni sono tutti uguali, ormai da quasi due mesi. Le giornate si susseguono costanti, cariche di angoscia, paura, terrore, tristezza.

Non vedo gli amici, i compagni di calcio e di scuola ormai da quel lontano 22 febbraio, giorno in cui sembra che le nostre vite si siano fermate.
Sì: fermate, bloccate dentro un bruttissimo incubo, dal quale vorrei svegliarmi al più presto per ritornare alla vita di sempre, con i suoi ritmi forsennati, con le giornate super impegnate tra studio e sport, ma comunque la mia vita, le nostre vite!

Solo ora capisco quanto sia bella ma non scontata la LIBERTÀ.
Libertà di muoverci, libertà di scegliere, libertà di giocare, libertà di divertirci, libertà di incontrarci con gli amici…libertà di vivere!
Questo maledetto “nemico invisibile” ci ha costretti nelle nostre case, lontani talvolta dagli affetti più cari, privati della quotidianità della quale a volte ci lamentiamo ma che tanto ci manca.

Non è come in guerra, dove vedi il nemico e cerchi di sconfiggerlo con le migliori armi a disposizione: questa è peggio di una guerra, perché il nemico non si fa vedere e i nostri soldati in trincea negli ospedali stanno combattendo quasi inermi, giorno e notte, cercando di salvare vite umane solo con le poche conoscenze a disposizione di questo terribile avversario e, spesso, a discapito della loro stessa vita. Ma il nemico non ci toglierà la speranza…e ce la faremo, tutti insieme.

Queste difficilissime giornate non ci stanno solo soffocando con la tristezza e con il dolore: ci stanno insegnando l’importanza dell’unità, dell’amicizia, degli affetti, il valore enorme di quei piccoli gesti, di quelle piccole cose che spesso davamo per scontate ma che sono di vitale importanza.
L’abbraccio del nonno, la compagnia degli amici, il sorriso del prossimo; ti accorgi di quanto siano importanti quando vengono a mancare, un po’ come quando manca l’aria e ti accorgi di quanto sia importante per respirare.

Potrà sembrare banale, ma non mi era mai capitato in tutti questi anni, per esempio, di ritrovarmi a chiacchierare allegramente con i vicini di condominio, ognuno dai rispettivi balconi o dai propri giardini.

Con loro al massimo ci si salutava con un furtivo saluto mentre si rincasava dalla spesa al supermercato o dagli allenamenti di calcio; ora invece ha un sapore davvero particolare scambiarsi due parole e due risate in un momento così difficile per tutti.

Mi mancano tanto i miei nonni, ma mi conforta sapere che stanno bene e sono al sicuro a casa: ci sentiamo tutti i giorni e ci vediamo pure con le videochiamate…perché uno degli aspetti “positivi” (per così dire) di questa pandemia è l’aver trasformato i miei nonni in “giovanotti tecnologici”, totalmente padroni di strumenti sino ad oggi per loro sconosciuti ma che – oltre a consentire di vederci a distanza – gli permettono di avere un po’ di compagnia in queste giornate buie e senza fine.

La situazione sembra lentamente migliorare in questi giorni, guardiamo tutti con ansia alla fine del “lockdown” (definizione ormai entrata nel “mio” gergo quotidiano!), bramosi di tornare alla nostra cara e preziosa normalità!

“Purtroppo a volte non è possibile scegliere il momento migliore in cui combattere. Possiamo solo farlo con coraggio quando ci viene chiesto.” Giorgio Faletti

Andrea Serioli, 1L

Altri articoli da GiGiQ

Partecipa al design contest per il Marchio europeo di qualità dell’informazione per i giovani

Termine per la partecipazione: 15 luglio 2020. Hai tra i 18 e i 30 anni? Ti piace fotografare, disegnare (su carta e in digitale), creare? Sei cittadino o residente di

Youth4Regions per studenti di giornalismo e giovani giornalisti

Termine per partecipare: 13 luglio 2020. Youth4Regions aiuta studenti di giornalismo e giovani giornalisti a scoprire cosa sta facendo l’Unione europea nella loro regione. Hai dai 18 ai 30 anni?

Food Delivery #2 – Irene Panighetti per GiGiQ

Prosegue l’analisi critica della professione del rider e del mondo del food delivery, con Irene Panighetti.

Come ti senti?

Capita anche a te, come scrive Ilaria nel suo Diario di una diciottenne in quarantena, di sentire la mancanza della città, della scuola, dei tuoi amici, persino della metropolitana piena

Una foto di me che salvo il mondo…

Non parlo con qualcuno che mi capisce davvero da non so quanto tempo e mi sembra di essere in gabbia… Di Sofia, Corte Franca

Pensieri annoiati, fermi, tecnologici

Durante questo periodo di quarantena mi sto un po’ annoiando… Di Marco Ravelli

Reclusione: passa veloce ma si fa atroce

La poesia è finita | e io torno a guardare serie tv per tutta la vita… Di Eleonora Franzoni

La mia vita durante la quarantena

ho un sacco di compiti che mi tocca fare: | il tempo libero lo passo a studiare; | solo la sera ho un po’ di tempo per me: | delle serie-tv sono diventata il re…

Per te, cara Alexandra…

Cara Alexandra, è da tanto che non ci sentiamo, quindi ho deciso di scriverti questa lettera per spiegarti un po’ quello che sta succedendo… Di Elizabeth Corti, 1L LSSA Antonietti Iseo

Una riflessione sul coronavirus

È ormai la fine dell’ inverno, la natura ricomincia a sbocciare scaldata dal tepore della bella stagione, l’algido freddo invernale pare ormai superato, la vita si ridesta dal lungo letargo… Di Marco Gervasoni

Nella testa mia

Non so cosa mi sta succedendo, forse è astinenza | dalla passione che mi dava potenza… Di Bracchi

Al periodo che stiamo vivendo, mi raccomando, stai attento!

Il periodo che stiamo vivendo ora | non ci peggiora ma ci migliora; | questa è un’occasione | che in molti considerano prigione. | Certo, di fuori non puoi andare | Ma con la fantasia tutto si può fare… Di Virginia Tempia

L’importanza che diamo alle cose

L’importanza che diamo alle cose riesce a salvarci dalla monotonia di tutti i giorni… Di Depretis Morena

Post Coronavirus: non ce ne laveremo le mani!

Quando a gennaio i telenotiziari hanno iniziato a diffondere le immagini di ciò che stava accadendo in Oriente, noi italiani, e dico “noi” per non assolvermi dalle mie colpe, eravamo ancora “vicini-vicini”… Di Marta Stefana, 4BL

Diario di una diciottenne in quarantena

Passo tutto il giorno chiusa in camera mia, cercando di evitare il più possibile i miei familiari perché, stressati come siamo, probabilmente finiremmo per litigare. Di una “nervosissima ed insopportabilissima Ilaria, Quarta Liceo Linguistico”

Food Delivery – Irene Panighetti per GiGiQ

Un’analisi critica della professione del rider e del mondo del food delivery, con Irene Panighetti.

La scuola ai tempi del Coronavirus

Due giorni di vacanze di Carnevale che si trasformano in delle lunghe ferie inaspettate? Poteva sembrare un sogno, ma è successo realmente. Di Gloria, quarta istituto tecnico-economico

Silenzio e semplicità

Aprile 2020: fermezza assoluta, silenzio e tanta distanza. Tempo, troppo tempo, in cui ci ritroviamo senza volerlo e senza chiederlo.
Di P.T. Quinta liceo Veronica Gambara

GiGi Q in diretta con Rossella Prestini

Quattro chiacchiere con la giornalista Rossella Prestini; parliamo di come si è evoluto il giornalismo, di fake news e di fonti attendibili.

Challenge “Stay at Home”: sfida accettata

Se in questo periodo di aprile 2020 mi chiedessero un sinonimo di “bomba ad orologeria”, gli risponderei sicuramente: “Libertà”. Di Barbara Scaglia, classe 5CT (ITC Lunardi)

Routine scolastica dell’anno del grande contagio

07:30: suona la prima delle 4 sveglie che ho preimpostato sul cellulare. Ho già sperimentato e mi ci vogliono tutte per farmi alzare; sono già di malumore… Di Anna, quinta liceo

Tempo per pensare

Devo ammettere che questa quarantena mi sta regalando qualcosa di prezioso: il tempo. Di Abdul Hafez Labaran.

Rubrica GGQ – Giovani Giornalisti in Quarantena

Ci chiediamo come sia oltre a questi pcche ci tengono connessi, oltre le mura delle nostre case. Abbiamo voglia di sapere di voi e così abbiamo pensato a GiGi Q, la nostra rubrica per i Giovani Giornalisti in Quarantena.


Foto di Dafne Cholet

Commenti

commenti